Accetta la nostra politica sui cookies per continuare a navigare sul nostro sito web.
  • Seleziona il tuo sito internet
  • IT

12 maggio 2011

Il primo volo internazionale di Solar Impulse

Il primo vole dell’HB-SIA fuori dai confini svizzeri è stato un successo. Il Solar Impulse è atterrato dolcemente dopo 12 ore e 59 minuti in aria.

19.30:  L’aereo solare si avvicina a Bruxelles ma le correnti ascensionali sono ancora molto importanti per un atterraggio tranquillo.

Il responsabile dell’aeroporto collabora perfettamente per permettere un atterraggio sicuro al Solar impulse. A differenza di altri aerei, l’atterraggio dell’HB-SIA ha bisogno di una part-closing dell’aeroporto per mezzora e di 6 persone sulla pista che aiutino Solar Impulsa ad atterrare.

20.00-21.00: I venti cambiano spesso e modificano ogni volt ai piani di atterraggio.

21.05: Una corrente ascensionale che arriva dal mare posticipa l’atterraggio di mezzora.

21.30: Una volta sentito il vento, il Solar Impulse si posizione lungo l’asse della pista, le luci si accendono.

21.39: L’HB-SIA atterra dolcemente dopo quasi 13 ore di volo, solo grazie all’energia solare.

La festa successiva a questo record è una grande introduzione alla settimana Green, in  cui il Solar Impulse sarà alla ribalta. Molti eventi saranno organizzati da Altran per la tappa a Bruxelles.

Venerdì 13 maggio 2011 (18.15)

Dopo Svizzera, Francia e Lussemburgo, l’aereo solare vola verso il Belgio. Il Solar iMpulse  è in aria da 10 ore e il tutto sta procedendo alla grande.

17.30: L’aereo vola vicino a Liegi, prima di dirigersi a nord-est di Bruxelles. Qualche tempo dopo, André rilascia molte interviste direttamente dalla cabina. Sembra così soddisfatto del suo volo che lo definisce: “calmo, pacifico e veramente bello”. Vola sulle nuove, a 3500 metri dalla terra, e si gode paesaggi straordinari. In merito all’energia, Andrè dice ironicamente “Ho fatto il pieno di così tanta energia che non sono dove metterla!”.

18:00: Arriva il tramonto: il Solar Impulse presto inizierà ad usare l’energia immagazzinata nelle batterie durante tutta la giornata. Le nuvole si assottigliano su Bruxelles, che conferma un atterraggio poco dopo le 21.00, se la torre di Controllo lo permette.

 

Venerdì 13 maggio 2011 (14h 15)

Il prototipo dell’HB-SIA adesso sta volando da 6 ore sull’Europa. André Borschberg ha già sorvolato le montagne Jura e nancy;  ha mantenuto la sua rotta verso Bruxelles. L’atmosfera è serena, sia in cabina che nell’aria per André.

La nuova difficoltà di questo volo internazionale era avere chiaro un percorso sicuro nell’affollatissimo traffico aereo europe. Con una velocità media bassa rispetto agli altri aerei che ha incrociato, il Solar Impulse è un caso particolare per il Controllo del Traffico Aereo. Di solito, la distanza tra due velivoli è di 300 metri verticalmente e di 8 km se essi volano allo stesso livello. Nel caso del Solar Impulse, la distanza di sicurezza è stata più grande. Un aeroplano che volerà al di sopra del Solar Impulse dovrà mantenere una distanza di 900 metri, a causa delle turbolenze che crea. Queste turbolenze  spariscono in 5 minuti, ad una velocità di 150 metri al minuto prima di calmarsi.

I team di Solar Impulse sono in contatto costante con la Torre di Controllo per ogni eventuali cambio di rotta, per quanto piccoli possano essere. Quindi, il team di simulazione di Altran continua a calcolare le possibili rotte.

Resta in contatto con noi per seguire la seconda parte del volo.

Venerdì 13 maggio 2011 (10h 15)

Inizia il viaggio per Bruxelles per Solar Impulse

04:00: Il team tecnico rende il prototipo dell’HB-SIA prondo per il primo volo al di fuori dei confini svizzeri.

05.30: Il team Solar Impulse di riunisce per un breve briefing prima di questo volo tanto atteso.

07.00: La fitta nebbia inizia a dissiparsi e il sole fa ora breccia tra le nuvole.

07:50: André Borschberg, addestrato e equipaggiato per vincere la sfida, si dirige verso l’aereo che piloterà tutto il giorno.

08:00.  E’ il momento di un check di routine: air-break, flap, luci e infine i test dei motori…l’aereo è pronto al decollo.

08.40: Il Solar Impulse inzia il suo volo per un viaggio storico verso Bruxelles.

André vola su  Neuchâtel Lake prima di dirigersi verso le Montagne Jura.

Resta in contatto con noi per seguire il primo volo internazionale che dovrebbe durare 12 ore.

Mercoledì 12 maggio 2011 (17h30)

Le condizioni climatiche sembrano favorevoli per venerdì 13 marzo 2011. Alimentato solo da energia solare, l’HB-SIA di Solar Impulse potrà effettuare il suo primo volo internazionale verso Bruxelles.

06:00: Tempo permettendo, il prototipo, pilotato da Andrà Borschberg, decollerà da campo di Payerne raggiungerà un’altitudine di 3600. L’aereo viaggerà verso la Francia, sorvolerà il Lussemburgo e raggiugnerà il Belgio.

21:00: Con un traffico aereo non congestionato e con una diminuzione dei rischi di turbolenza, Solar Impulse riceverà il permesso  di atterrare all’aeroporto di bruxelles (Zaventem) dove bertrand Piccard e il suo team aspetteranno con impazienza André. Il volo dovrebbe durare all’incirca 12 ore.

Il team “Modelling & Simulation” di Altran guidatod a Christophe Béesau sta già lavorando alla rotta migliore, in base al clima, al controllo del traffico aereo e ai parametri energetici.

Domani assisteranno al volo da terra e calcoleranno nuove possibili rotte in caso di imprevisti.