Accetta la nostra politica sui cookies per continuare a navigare sul nostro sito web.
  • Seleziona il tuo sito internet
  • IT

14 Giugno: Saint Louis - Cincinnati

“Così, alla fine, ci troviamo di fronte la nostra ultima sfida: raggiungere la costa orientale e Washington, questa destinazione mitica...”

 

La natura è regina

Ma questa volta le cose non sembrano essere molto semplici. Le condizioni atmosferiche sono diventate molto instabili, che per noi significa "ostili". Naturalmente, questo è frustrante... Tuttavia, vi è anche qualcosa di importante da capire quando non possiamo fare esattamente ciò che vogliamo con questo aereo a causa delle condizioni meteorologiche. E' come se le nuvole e i venti volessero ricordarci che sono più o meno direttamente causati dal sole, il nostro miglior fornitore di energia per il Solar Impulse. Gli elementi naturali restano sempre i più forti, anche se danno l’impressione di poter essere domati, e questo principio è in realtà parte del messaggio di tutto il progetto Solar Impulse.

Solar Impulse Saint Louis - Cincinnati

Stiamo elaborando una strategia di volo in due fasi per la serata di venerdì 14 e della notte seguente perché la velocità e la direzione del vento non sono favorevoli, nella Virginia. Questa speciale strategia, chiamata "pit-stop", consisterà in un primo volo seguito da una sosta veloce, poco prima dei monti Appalachi, poi un secondo volo per raggiungere Washington, un paio d'ore dopo. Così si ottiene il vantaggio di lasciare Saint-Louis non troppo tardi - le nuvole si avvicinano - e anche la possibilità di essere in Virginia non troppo presto, nel momento in cui vento sarà diventato più favorevole.

 

 Gestire due voli in parallelo

Questa strategia rappresenta piuttosto una grande sfida per tutta la squadra del Mission Control Centre, richiedendo un lavoro quasi continuo in 48 ore. Per Stephane e me del team "Modelling and Simulation", significa anche la gestione di due voli in parallelo.

Il luogo scelto per il pit-stop è Cincinnati, a 366 nm da Saint-Louis, a circa metà del nostro percorso tra Saint-Louis e Washington. La distanza data tiene conto del percorso effettivo che André deve seguire; in linea d'aria, la distanza tra le due città è a soli 279 nm.

Il decollo è previsto alle 04:00 ora locale, 1 ora e mezza prima del sorgere del sole. E mentre André dà improvvisamente tutta l'energia elettrica ai quattro motori del velivolo, solo cinque secondi prima di lasciare il suolo della pista 12L al mattino presto di Saint-Louis, ancora una volta stiamo ottimizzando il suo volo processando gli ultimi dati meteo disponibili e anche il calcolo delle condizioni di volo per il volo di Bertrand tra Cincinnati e Washington. Due voli da gestire allo stesso tempo, come ho detto ...

 

Il profilo di questo primo volo non sembra come gli altri, soprattutto a causa delle particolari condizioni climatiche che dobbiamo prendere in considerazione oggi: il vento è troppo forte in quota e per questo motivo l'aereo non andrà oltre i 10.000 ft. Questo potrebbe essere una difficoltà nel caso di un volo lungo, perché questo tipo di profilo non permette di accumulare molta energia potenziale. Ma per fortuna, Nik, Yves-André e Michel hanno negoziato un atterraggio a Cincinnati, quindi non avremo bisogno di questa energia che potenzialmente persa.

In questa zona degli Stati Uniti, tra il Missouri e l’Ohio, il terreno è abbastanza pianeggiante. André non vola al di sopra dei  1.000 piedi, e non incontra le "onde di montagna" (un tipo di turbolenze) come ha fatto durante il suo volo tra Phoenix e Dallas.

 

Attesa per lo slot di atterraggio

Mezz'ora prima di mezzogiorno, André raggiunge i 10.000 piedi, la sua altitudine massima. Le batterie sono già al 85%, e se ci sono alcuni cirri su di lui, i nostri calcoli mostrano che la loro portata non è sufficiente a rallentare in modo significativo la carica della batteria.

Ciò che è più fastidio sono le condizioni di vento a metà pomeriggio (15:30 ora locale, 08:30 GMT). In questo momento, André deve iniziare una sosta in volo di 3 ore, che può essere una cosa difficile quando il vento è abbastanza forte. Anche se siamo a soli 35 nm da Cincinnati, questa sosta è necessaria, per attendere per lo slot di atterraggio dato dai controllori del traffico aereo americano. La velocità del velivolo varia da 25 kt quando André ruota l'aereo in favore del vento, a 40 kt quando vola in direzione opposta, ma l'angolo di correzione che dà all'aeromobile non supera i 35 gradi, un valore che rimane "ragionevole ", secondo i nostri criteri di volo.

Alle 23:00 GMT (19:00 ora locale, 01:00 in Payerne), i controllori americani confermano lo slot di atterraggio e poi autorizzano la fase finale. Finalmente possiamo vedere sui nostri schermi l'aereo che sta atterrando prima del tramonto per la prima volta nel corso di questa avventura "Across America". Le immagini sono straordinarie! Sono le 20:15 ora locale a Cincinnati, le 02:15 in Payerne, e tutti applaudono ancora una volta nel Mission Control Centre. Ma subito tutti noi torniamo al nostro lavoro, dal momento che sappiamo che, anche questa volta, abbiamo solo un paio di ore prima del decollo successivo. Ci vediamo a Washington! "

 

Christophe Béesau

Esperto Altran per Solar Impulse in Advanced Modelling and Simulation